SEI IN > VIVERE CREMONA > CRONACA
articolo

Confiscato un immobile dal valore di 500mila euro, apparteneva ad un evasore fiscale con 20 società fittizie

1' di lettura
38

Un immobile nel centro di Milano, adibito a bar e dal valore di oltre 500 mila euro, è stato confiscato da finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Cremona in esecuzione di un provvedimento emesso dal Gip di Milano.

La misura è stata adottata all’esito di un’indagine per un’ingente frode fiscale all’IVA nel settore della lavorazione del rame, attuata con un giro di fatture false da un imprenditore milanese.

Le indagini, nate da un controllo nei confronti di una società della provincia di Cremona, consentirono di risalire ad una filiera di oltre 20 società fittizie, tutte con sede in Milano ed una a San Marino, costituite da un imprenditore milanese operante nella commercializzazione del rame, al solo scopo di interporsi tra gli effettivi fornitori e acquirenti emettendo fatture false.

Il sistema di frode, portato avanti anche dagli eredi del suo ideatore, si avvaleva della collaborazione di due professionisti milanesi, un consulente aziendale che aveva il compito di pianificare i rapporti commerciali lungo tutta la filiera ed un commercialista, amministratore di alcune delle società fittizie domiciliate presso il suo studio, cui spettava invece di curare le contabilità aziendali.

L’imprenditore milanese aveva ideato e organizzato la complessa struttura commerciale con lo scopo di appropriarsi dell'Iva dovuta secondo il noto sistema delle ''frodi-carosello''.



Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2023 alle 10:41 sul giornale del 29 giugno 2023 - 38 letture






qrcode