SEI IN > VIVERE CREMONA > CRONACA
articolo

Crema: scoperto riciclaggio di oltre di 200mila euro effettuato da un money transfer

2' di lettura
22

Nei giorni scorsi, i militari della Compagnia di Crema hanno scoperto ripetute operazioni di riciclaggio di denaro durante un controllo nei confronti di un operatore money transfer di Crema, al quale sono state applicate sanzioni amministrative per oltre 200.000 euro.

Nel corso delle attività di controllo, i militari hanno esaminato oltre ventimila transazioni effettuate dal mese di gennaio del 2021, rilevando oltre cinquanta episodi in cui l’operatore money transfer aveva condotto operazioni di riciclaggio, omettendo di acquisire i dati identificativi di alcuni soggetti che avevano effettuato rimesse di denaro all’estero.

Il money transfer è un servizio, alternativo al sistema bancario tradizionale, che consente di inviare del denaro all’estero: viene utilizzato, in particolare, dai lavoratori di origine straniera che hanno l’esigenza di inviare una parte del loro guadagno nel loro Paese di origine. Nonostante questo, tale servizio può essere strumentalizzato per il trasferimento all’estero di flussi finanziari piuttosto ingenti provenienti da operazioni economiche nascoste o da attività criminali, nonché, talvolta, per il finanziamento del terrorismo internazionale.

È per questa ragione che, dunque, esistono precise regole ed adempimenti che gli operatori money transfer sono tenuti ad osservare, al fine di prevenire il rischio di un utilizzo distorto di tale servizio.

Le Fiamme Gialle cremasche hanno accertato che presso l’esercizio commerciale controllato, veniva sistematicamente applicata una tariffa di 1 euro per gli acquisti effettuati mediante pagamenti elettronici, circostanza che costituisce a tutti gli effetti una pratica commerciale scorretta.

Al termine del controllo si è proceduto ad applicare sanzioni amministrative legate alle violazioni alla normativa antiriciclaggio; inoltre, la posizione del soggetto ispezionato è stata segnalata all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (A.G.C.M.) per l’applicazione di ulteriori sanzioni amministrative.

L’operazione della Compagnia della Guardia di Finanza di Crema, finalizzata al controllo dei circuiti di pagamento alternativi al sistema bancario, si inquadra nel più ampio dispositivo attuato dal Corpo a difesa della legalità economico-finanziaria, sia a contrasto di possibili operazioni di riciclaggio che a tutela della concorrenza leale e dei diritti dei consumatori.





Questo è un articolo pubblicato il 06-07-2023 alle 10:50 sul giornale del 07 luglio 2023 - 22 letture






qrcode